Alani

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Алани

Grazie alla posizione geografica e alle favorevoli condizioni climatiche che la contraddistinguono, l’Armenia è un territorio che offre abbondanti frutti di ottima qualità.

Questo è il motivo per cui la frutta secca armena è apprezzata, anche fuori dal Paese; esistono diversi tipi di frutta e altrettanto diverse metodologie per seccarla.

Il territorio della provincia del Gegharkunik, per buona parte occupato dal lago di Sevan, si trova nella parte orientale dell’Armenia al confine con le Repubbliche caucasiche. Questa zona di confine dove abitano diversi gruppi etnici (ad esempio i Molokhan, di origine russa ma con credo cristiano) si caratterizza per una tradizione gastronomica con influenze del Vicino Oriente, che si rispecchia soprattutto nei dolci e nell’utilizzo di spezie e frutta secca.
In quest’area si prepara l’alani, termine locale per indicare le pesche ripiene di noci ed essiccate al sole.
Durante la tarda primavera e l’inizio dell’estate, le pesche vengono raccolte e snocciolate manualmente; nel foro che si crea per far fuori uscire il nocciolo, si fa passare un filo creando una specie di collane che vengono poi appese per far essiccare la frutta.
Dopo una prima essiccatura di qualche giorno le pesche vengono farcite con un ripieno fatto di noci tritate, zucchero, cannella e cardamomo; le pesche vengono poi riappese e fatte essiccare ancora per qualche settimana.

Ad oggi l’alani essiccato al sole, che si trova ancora in vendita in qualche mercato locale rischia di scomparire perché esistono metodo più veloci per essiccare la frutta rispetto ai processi tradizionali. Inoltre la diffusione della refrigerazione moderna sta diminuendo la conoscenza delle pratiche di conservazione tradizionali.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneArmenia
Regione

Gegharkunik

Altre informazioni

Categorie

Frutta fresca, secca e derivati

Segnalato da:Artur Virabyan