Destina il tuo 5×1000 alla Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus usando il codice fiscale 94105130481.


Oggi destinare il 5×1000 a Slow Food è ancora più importante, perché custodire la biodiversità agricola e alimentare è l’azione più concreta e tangibile per tutelare la salute dell’uomo e del pianeta.

La Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus realizza progetti in Italia e nel mondo per promuovere un’agricoltura che tuteli la biodiversità, rispetti le persone e l’ambiente, sostenga le economie locali, contrasti la crisi climatica.

I progetti della Fondazione che vivono grazie al 5×1000 sono:

Biodiversità vuol dire salute, dell’uomo e del pianeta.
Salvala con Slow Food!

Sostenendo la Fondazione col tuo 5×1000, Slow Food resterà a fianco di contadini, pastori e pescatori che, in Italia e nel mondo, difendono la biodiversità e si prendono cura del nostro pianeta, per garantire a tutti l’accesso a un cibo buono, pulito e giusto.


Come si fa?

Destinare il 5×1000 alla Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus è semplice:

  1. Firma il riquadro dedicato al “Sostegno del volontariato e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale” sul tuo modello per la dichiarazione  dei redditi (Modello Unico, 730, CU)
  2. Indica il codice fiscale della Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus: 94105130481

 

5x1000 fondazione slow food

Utilizza il nostro materiale e aiutaci col passaparola!

Sostieni la Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus per realizzare progetti a fianco di contadini, pastori e pescatori in tutto il mondo:

  1. Condividi su Facebook la copertina e pubblica sul tuo sito internet uno dei banner della nostra campagna.
  2. Stampa e diffondi la locandina della campagna. Consegnala al tuo commercialista e chiedigli di appenderla nel suo studio.
  3. Diventa testimonial della nostra campagna 5×1000 e inserisci la nostra grafica nella firma elettronica o condividila nelle stories su Instagram.

Seguici sui nostri social, Facebook, Instagram e Twitter e iscriviti alla newsletter! Scoprirai le storie dei custodi della biodiversità e impareremo insieme come agroecologia e benessere animale, non siano solo buone intenzioni ma l’oggetto per un operare concreto.